domenica 4 dicembre 2016

ANGOLO DELLA POESIA E DELLA MUSICA







Se fossi

Se fossi in grado
di capovolgere gli eventi, impedirei
all'odio e alla morte di trovare
terreno fertile nei cuori.
Imprigionerei i momenti
più belli di ogni anima,
dipingerei d'azzurro
i borghi e i ghetti.
Seduta sulla radice della sapienza
nella gioia dell'Amore
riprodurrei il palpito dei fiori
e la poesia della natura.
Se fossi in grado
di capovolgere gli eventi, vorrei
rincontrare con la maturità
di oggi il destino di ieri
per eternare parole di Vita
e germogli di fusione.

Copyright ©Eleonora Ruffo Giordani

giovedì 8 settembre 2016

ANGOLO DELLA MUSICA

VLADIMIR VOLEGOV





Al nascere del giorno
voli briosi e
canti nella valle.


Lì,
sulla vetta
del monte Ehra
Esamini
gli ultimi brandelli
del duro e
difficile cammino.



Speranze deluse!
Gli occhi asciutti, senza lacrime!

Tu,
baci le ferite
nell’umile
seno sofferente
e raccogli
le memorie affrante…

Vilipeso,
fissi
addolorato
e offeso
quelle ignobili
-anime di vetro senza eternità-
che
paralizzate
nel fetore
delle loro opere
precipitano
putrefatte
nella voragine
della loro malizia
e ipocrisia...


© Eleonora Ruffo Giordani

venerdì 22 luglio 2016

ANGOLO DELLA MUSICA

Vladimir Gusev

ANGOLO DELLA POESIA

   
Risalgo
la strada dei ricordi e delle emozioni
Risento:
l'odore dolciastro della terra
che arsa attende l'acqua;
l'asfalto che esala il tanfo
di pneumatici bruciati sul bitume,
la fontanella che canta argentina
alla cantoniera del crocevia,
la stazione d'attesa
la rivista sfogliata distrattamente
la mente che si perde nei pensieri,
il marciapiede gremito di gente sconosciuta
il saluto semplice della mano di un bimbo.
Monotono e triste paesaggio
il viale costeggiato di alberi frondosi
bisognosi perché malati di malinconia
in un pomeriggio deserto di afa.
Stanca raccolgo pinoli d'energia
e attraverso il cielo senza voli,
tendo l'orecchio al canto della natura
che geme e vuole pretende amore.

© Eleonora Ruffo Giordani

(Poesia pubblicata nella prestigiosa rivista Internazionale Isola Nera 1/35 di Giovanna Mulas- Gabriel Impaglione)

giovedì 14 luglio 2016

ANGOLO DELLA MUSICA


 Dipinto dell'esimio Artista Pino Daeni

Poesia bambina


Scrivo per Te, una poesia bambina
che birichina e mesta si culla nel sole
per non udire il ronzio dell'intrigante calabrone.

E' primavera Mamma!
Ammira il tripudio dei colori
e le corolle bianche e vermiglie nel prato del cuore.

Ascolta il mio canto bambino
che sulle onde dell'anima piroetta spensierato col domani.


Raccogli i sogni,spargili nel cuore delle stelle
e cantilena con me questi versi scombinati, privi di ambizione:
"Il vento folletto di marzo monello
scherza gioioso, scompiglia i capelli, alza le gonne, porta via i cappelli…"

Ridi Mamma, voglio giocare. E' giorno solenne!
Non piangere più per me: il tempo vola in fretta!



© Eleonora Ruffo Giordani






giovedì 26 maggio 2016


video


Avinu Malkeinu

Al crocevia della strada
baci la mia anima, poni
nelle cicatrici foglie e frumento.

Sono filo d'erba che
canta al cuore piccolezze.
Non voglio grandi cose
il sorriso di Te ogni giorno.
Penetri l'anima
con lo sguardo
dilegui freddo e mestizia.
Avinu Malkeinu:
-Non farmi piangere!-
Tue attenzioni appagano Vita.

© Eleonora Ruffo Giordani


Poesia inserita nella  Seconda Antologia poetica " Immagini "
Ed. Pagine.

lunedì 23 maggio 2016

ANGOLO DELLA MUSICA








"Poesia, dolce elisier della mia vita!"
  Dipinto dell'esimia Artista Mary Jane Q Cross

I passeri si sono svegliati
alle voci del primo crepuscolo
pigolano tristi al cielo attonito.
Nell’aria calma della stagione estiva
riaffiorano i ricordi dei bei giorni di sole e di allegria:
cielo della giovinezza.
Volgo lo sguardo
nel brandello di frescura:
un raggio di sole riappare
illumina i  pensieri
dirada le ombre.
Le spalle al muro e la testa stanca,
un ronzio d’insetti confonde le idee.
Le foglie degli alberi
sono immobili come in attesa.
Il mormorio del ruscelletto
di “Fonte Bianca”
spezza la monotonia
sotto il cielo che diventa di cera.
Vorrei essere pianta
per ascoltare la terra
colloquiare col suo linguaggio:
preghiera che s’eleva
e si concentra in Dio.
La Luce sdrucciola la coltre delle incertezze
nel pentagramma della Vita e della poesia.

© Eleonora Ruffo Giordani 

ANGOLO DELLA MUSICA






"Poesia, dolce elisier della mia vita!"